PhasePrep II

PhasePrep II

Il preparatore automatico di soluzioni PhasePrep™ ottimizza il lavoro degli operatori incrementando l’accuratezza nella preparazione di soluzioni analitiche.SoluPrep II

  • Migliora la Sicurezza: sono stati ridotti, o eliminati, gli sgocciolamenti o i versamenti accidentali che possono avvenire durante la preparazione con i metodi volumetrici .
  • Migliore accuratezza: il metodo gravimetrico è intrisecamente più accurato di un metodo volumetrico. Il volume di un solvente può essere sensibilmente diverso a seconda della temperatura alla quale viene effettuata la preparazione. E’ una fonte di errore spesso sottovalutata. Al contrario, il suo peso rimane costante.

Il più comune metodo di analisi, chiamato dello “Standard Interno”, per ottenere la migliore accuratezza nelle tecniche PhasePrep_r4_c4HPLC, GC, AA, Mass Spectrometry e altre tecniche analitiche consiste nell’inserire nella soluzione da analizzare una quantità nota di un’altra sostanza.

Quando il campione viene analizzato vengono determinati oltre all’analita di interesse anche la sostanza nota, inserita quale standard interno. Il confronto dei due risultati migliora molto il risultato in concentrazione dell’analita.

Una diluizione gravimetrica è più accurata di una volumetrica

Le preparazioni volumetriche di soluzioni devono utilizzare accorgimenti tali da rendere più costosa la vetreria utilizzata. In quei laboratori dove si è attenti alle variazioni di temperatura di adottano sistemi, a volte artigianali, per la  termostatazione dei solventi durante la preparazione.
Nei laboratori meno attenti, invece, non si considera la variazione dei solventi in funzione della temperatura e l’errore causato da questo può arrrivare anche al 0,5 %.
Per avere una idea di quanto possa variare un solvente in funzione della temperatura, qui di seguito si riporta una tabella con le diminuzioni di densità di alcuni dei solventi più comuni per un aumento di temperatura di 5°C.

Diminuizione in percentuale della densità di un solvente per un aumento della temperatura di  5 °C

  • Acetone: 0.758PhasePrep-balance-sm
  • Acido acetico: 0.510
  • Metanolo: 0.827
  • Etanolo: 0.825
  • n-Propanolo: 0.503
  • Metil Etil Ketone: 0.658
  • Toluene: 0.616
  • Benzene: 0.687
  • Tetracloruro di Carbonio: 0.401
  • Cloroformio: 0.422
  • Cloruro di Metilene: 0.513
  • Acqua: 0.116
  • Cicloesano: 0.706
  • Dimetil Solfossido: 0.497

Dal momento che un vetro in Borosilicato (Pyrex™) può cambiare il suo volume solo del 0.013% per lo stesso range di temperatura, gli errori causati dalla variazione di densità del solo solvente può essere non trascurabile.

Moderni tecniche analitiche possono analizzare routinariamente ottenendo risultati con una accuratezza molto migliore del 0.5%.
E’ ovvio che per non inficiare queste performance si deve fare molta attenzione alla preparazione delle soluzioni.
I sistemi PhasePrep II e SoluPrep II (per quantità inferiori) possono raggiungere accuratezze di preparazione tre o 10 volte migliori, da 0.16%  a 0.05%.

Vantaggi nell’uso di un sistema PhasePrep II

  • Non è necessario utilizzare vetreria certificata
  • Lo spreco di solvente è limitato. Con il PhasePrep II, 135 ml oppure 653 ml di una soluzione possono essere preparati facilmente come 1 litro.
  • Migliora la sicurezza nella gestione dei solventi. Il PhasePrep II è un sistema chiuso. L’esposizione degli operatori ai vapori e la possibilità di perdite per rotture della vetreria sono ridotte al minimo
  • Migliora le performance analitiche. Questo è il punto più importante. La reputazione di un laboratorio dipende dai suoi risultati nei Circuiti di Correlazione. Il PhasePrep II garantisce una accurata preparazione dei campioni da analizzare eliminando l’errore umano e le influenze dalla temperatura ambiente.

Operatività

Il PhasePrep™ II opera in cinque passaggi.
phaseprepprinter

  1. L’operatore inserisce il codice id. del campione e le sue iniziali.
  2. Un contenitore viene posizionato sulla bilancia e il computer integrato memorizza il suo peso.
  3. L’operatore aggiunge un appriopriato quantitativo di soluto nel contenitore.
  4. Il computer calcola l’esatto ammontare dei solventi richiesti dal metodo precedentemente memorizzato.
  5. Il campione ottenuto viene rimosso e una etichetta viene stampata per essere adesivata sul contenitore.

Specifiche

Precisione tipica del dispensatore di solvente: +/- 2 goccie (una goccia è circa 0.025 g)
Precisione nella pesata del solvente: 0.01 grammi (circa 10 microlitri)
Capacità della bilancia: 8200 grammi
Numero di metodi memorizzabili: 100
Numero di pompe solvente: da una a otto
Tipo di pompa: Pulseless, self-priming, ad accoppiamento magnetico. Senza guarnizioni rotanti.
Materiali a contatto con i solventi: Teflon©, AISI 316 Acciaio Inox, graffite
Massima velocità di erogazione solvente: 500 ml/min ciascuna pompa
Computer: Built in, touch screen PC with Windows XP operating System
Alimentazione: 110-240 Volts @ 50-60 Hz, 100 Watts
Dimensioni e pesi: 27 cm X 52.8 cm X 34.7 cm (LxPxA). il peso varia seconda del numero delle pompe.

 

Chiedi ulteriori informazioni con un breve messaggio di testo

Comments are closed.